Nel XXI secolo al Thesaurus Linguae Latinae … a proposito di una tesi di laurea chiesta in Diritto romano alla Professoressa Maria Pia Baccari




Дата канвертавання27.04.2016
Памер34.9 Kb.
Nel XXI secolo al Thesaurus Linguae Latinae … a proposito di una tesi di laurea chiesta in Diritto romano alla Professoressa Maria Pia Baccari

Ho deciso di chiedere la tesi in Diritto romano alla Professoressa Baccari, fin dalle sue prime lezioni. Queste sono state per me così importanti da poter affermare che, in qualche modo, mi hanno segnata. Non si tratta di semplici lezioni accademiche, ma sono dei veri e propri insegnamenti di vita.

Dopo aver sostenuto l’esame di Diritto romano, sono andata subito a chiedere la tesi. Non dimenticherò mai quel momento: per me è stato importantissimo! La Professoressa, che ben mi conosceva, senza pensare neanche un attimo, mi ha detto: «Il pudor!».

L’argomento mi è piaciuto subito, anche se di fatto non avevo ben capito in cosa consistesse.

Ho cominciato così a cercare materiale per la tesi e notai subito che non c’erano libri esplicitamente dedicati all’argomento: l’analisi del concetto di pudor era stata trascurata dai romanisti, e questo ha reso il tutto ancora più interessante.

Il pudor è diventato così, e lo è stato per due anni, il mio pensiero fisso.

Ho cercato notizie ovunque: nelle enciclopedie, nei vocabolari, sui libri, sui giornali, in televisione, nelle riviste giuridiche, negli schedari delle biblioteche... fino ad iniziare vere e proprie indagini chiedendo direttamente alle persone (giuriste e non) con cui casualmente mi confrontavo, cosa per loro fosse il pudor. Ho raccolto le risposte più svariate, ma tutte mi sono tornate utili per iniziare il mio lavoro.

Sono riuscita così a scrivere, dopo qualche mese di ricerche, una prima bozza dell’Indice, uno schema elementare che rappresentava un punto di partenza.

Ho proseguito il mio lavoro facendo un’analisi del termine pudor nelle fonti giuridiche romane.

Dalla consultazione del Forcellini e del Thesaurus Linguae Latinae, ho raccolto numerose fonti a proposito del significato di tale termine nell’antica Roma, soffermandomi sui passi giuridici dove appariva la parola pudor, in particolare attraverso la consultazione del Vocabularium Iurisprudentiae Romanae (VIR).

Ho avuto modo così di notare quanto fosse ampia l’accezione di tale termine.

Consultando le banche dati elettroniche BIA e FIURIS, ho poi raccolto numerosi articoli, contenuti nelle Riviste di Diritto romano, che riguardavano le fonti oggetto del mio studio.

Ho esteso la ricerca alle numerosissime monografie che riportavano, tra le righe, alcune notizie che potessero, in qualche modo, aiutarmi nello studio del significato di pudor nel Diritto romano.

Al fine di raccogliere quante più possibili notizie concernenti l’argomento oggetto del mio studio, ho visitato molte importanti biblioteche romane: la biblioteca dell’ “Istituto di Diritto romano e dei diritti dell’Oriente mediterraneo” dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”; la Biblioteca centrale giuridica presso il Ministero di giustizia; la Biblioteca nazionale centrale di Roma; la Biblioteca della Pontificia Università Lateranense (intitolata al fondatore “Beato Pio IX”); la Biblioteca della Pontificia Università Gregoriana.

Quelle rarissime volte che non sono riuscita a trovare l’articolo o il libro inerenti la mia ricerca, sono ricorsa al prestito interbibliotecario, che mi ha permesso di ricevere documenti presenti nelle biblioteche di tutta Italia.

Per poter approfondire ulteriormente l’argomento, ho ottenuto dall’Ufficio Relazioni Internazionali una borsa di studio “ricerca tesi” per la Germania.

Sono andata così a Monaco di Baviera!

Alla ricerca di antichi testi, ho così frequentato la preziosa Biblioteca del “Leopold Wenger-Institut für Antike Rechtsgeschichte und Papyrusforschung” presso la Juristischen Fakultät der Ludwig-Maximilians-Universität München dove, su uno specifico catalogo per soggetti, ho individuato interessanti libri, di autori tedeschi, la cui consultazione mi è stata di grande aiuto.

Tutti i trattati mi hanno fornito interessanti approfondimenti.

I miei studi mi hanno quindi condotto al “Thesaurus Linguae Latinae”- Bayerische Akademie der Wissenschaften.

Sono rimasta subito affascinata da questa importantissima Biblioteca, e lungo sarebbe il discorso da fare al proposito.

Quando sono entrata per la prima volta al Thesaurus, non potevo credere ai miei occhi: in due anni ho visitato molte biblioteche ma quella del Thesaurus non è certo come le altre.

Fondato nel 1883 da Eduard Wölfflin, il Thesaurus Linguae Latinae può essere descritto come una poderosa impresa «per l’investimento che richiese e richiede tuttora in termini culturali e finanziari, per la difficoltà dei lavori, per la quantità di materiale raccolto, per l’insostituibile contributo agli studi sulla lingua sulla letteratura, sulla civiltà latina» (così G. POLARA, “Il Thesaurus Linguae Latinae”, in Omaggio a G. B. Teubner: un grande editore e gli studi classici, curr. Antonio Garzya, Marcello Gigante, Giovanni Polara, Napoli 1983, p. 79).

L’obiettivo perseguito dall’Istituto fu quello di produrre il primo completo Dizionario di latino, che oggi comprende fonti che vanno dai tempi più antichi fino al 600 d. C.

Si tratta di un archivio di circa dieci milioni di schede, che tengono conto di tutti i testi pervenuti a noi.

Le parole, ricavate dai testi più antichi, sono raccolte in schede “manuali”.

I testi “più recenti” sono, di solito, arricchiti da una selezione di esempi rilevanti da un punto di vista lessicografico.

Oggi tutto questo materiale è completato da moderne banche dati.

Dall’analisi critica e dall’interpretazione di quanto raccolto, trovano origine le diverse voci del Dizionario, la cui consultazione consente di seguire l’evoluzione del significato e l’uso che in origine veniva fatto di ogni parola.

Il glossario, pubblicato in volumi separati, nel 2009 ha raggiunto la fine della lettera P: più dei tre quarti del lavoro è apparso in versione stampata e, su iniziativa dell’editore, anche in forma elettronica (per un maggiore approfondimento vedi www.thesaurus.badw.de).

Ciò che colpisce maggiormente del Thesaurus Linguae Latinae è la metodologia di lavoro: la maggior parte viene svolto, ancora oggi, su materiale cartaceo. Sicuramente questa è una caratteristica che desta curiosità, considerato il fatto che siamo nel XXI secolo e ormai gli strumenti telematici costituiscono un considerevole aiuto per ogni tipo di ricerca.

Con ciò non intendo affermare che i mezzi elettronici non siano usati all’interno del Thesaurus. Fino agli anni ’70 la penna e l’inchiostro hanno dominato in maniera incontrastata. Successivamente sono state introdotte le macchine da scrivere, e molti testi sono stati dattiloscritti. Dalla fine degli anni ’80 in poi si è fatto uso del computer.

L’aiuto della tecnologia ha senza dubbio accelerato il lavoro (pensiamo, per esempio, alla disponibilità su compact disc di numerosi testi di fonti).

Va rilevato, però, che questi cambiamenti riguardano, per lo più, il processo tecnico di realizzazione dell’oggetto.

L’attività scientifica del lessicografo è, nella sostanza, rimasta uguale. Questa consiste nella collezione di documenti delle singole parole chiave, con un attenta “interpretazione” dei testi (a proposito dell’evoluzione degli strumenti di lavoro utilizzati all’interno del Thesaurus vedi P. FLURY, “Vom Tintenfaß zum Computer”, in Wie die Blätte am Baum, so wechseln die Wörter. 100 Jahre Thesaurus Linguae Latinae. Vorträge der Veranstaltungen am 29. und 30. Juni 1994 in München, cur. Dietfried Krömer, Stuttgart e Leipzig 1995, pp. 29 ss.).

Per gli studiosi di Diritto romano il Thesaurus Linguae Latinae rappresenta uno strumento indispensabile. Lo studio semantico permette di comprendere la terminologia giuridica dei Romani (sulla rilevanza del Thesaurus linguae Latinae per le ricerche di diritto romano vedi R. WITTMANN, “Thesaurus und Römisches Recht”, in Wie die Blätte am Baum, so wechseln die Wörter, op. cit., pp. 79 ss.).

Non va inoltre sottovalutata l’importanza delle fonti extragiuridiche.

Come rileva Riccardo Orestano, lo studio romanistico deve avere ad oggetto «l’insieme dell’esperienza giuridica romana» (vedi R. ORESTANO, Introduzione allo studio storico del diritto romano, Torino 1961, pp. 620 ss.; vedi anche la nuova edizione: R. ORESTANO, Introduzione allo studio del diritto romano, Bologna 1987). Sono infatti le fonti extragiuridiche che «ci forniscono un dato certo o almeno attendibile su qualsivoglia aspetto della realtà storica dell’esperienza giuridica romana; l’impiego di questo dato deve non solo essere considerato legittimo, ma pure necessario. Sotto questo aspetto nessuna differenza si può fare fra fonti giuridiche e non giuridiche, perché anche queste ultime – oltre ad eventuali riferimenti sui dati normativi sui quali non c’è, di solito discussione – ci possono fornire dati ed elementi della realtà di fatto che non è consentito pretermettere e che possiamo, anzi dobbiamo, legittimamente usare nelle nostre concettualizzazioni e porre sullo stesso piano di quelli forniteci dalle fonti giuridiche, purché, ben s’intende, si assegni a ciascuno il giusto posto che gli compete in una visione dei diversi aspetti dell’esperienza. Ancora più: in certi casi sono soltanto o quasi soltanto le cosiddette fonti extragiuridiche che permettono di conoscere o di intravedere interi periodi e settori dell’esperienza romana, come, ad. es., in genere per le epoche più remote o per molte parti delle strutture costituzionali in ogni epoca e per molte manifestazioni della attività amministrativa e giudiziaria» (R. ORESTANO, op. cit., pp. 629 e 630).1


Lo studio delle schede del Thesaurus Linguae Latinae mi ha permesso di comprendere meglio i risvolti giuridici dell’argomento da me studiato.

Una volta tornata in Italia ho riletto nuovamente la tesi e mi sono soffermata soprattutto sull’aspetto formale, cercando di renderla più scorrevole e più ordinata. Ho aggiunto infine le ultime notizie, importanti per chiarire ed approfondire meglio alcuni argomenti della tesi.

Il giorno della laurea si stava velocemente avvicinando, e non nascondo che l’agitazione aumentava sempre più. Temevo di aver lasciato alcune parti della tesi incomplete e di non ricordare nulla il giorno della discussione. Ma dopo due anni di lavoro e più di quattrocento pagine di tesi non potevo permettermi di fare una brutta figura e così ho cercato di non farmi prendere dal panico e di mantenere il più possibile la tranquillità.

Il 24 Settembre sono stati resi noti i nomi dei Professori costituenti la Commissione, nonché il giorno e l’ora della seduta di laurea: 8 Ottobre 2010 alle 8,30.

Quel giorno è stato bellissimo: tra le giornate più emozionanti della mia vita.

Quando sono arrivata all’Università, alla sede di Borgo Sant’Angelo n. 13, ero agitatissima, ma allo stesso tempo felice.

I minuti passavano lenti, e ogni attimo è fissato in maniera indelebile nella mia memoria!

Una volta riunitasi la Commissione, dopo aver fatto l’appello per vedere se eravamo arrivati tutti, ci hanno fatto entrare ordinatamente nell’Aula Magna intitolata a Santa Caterina da Siena. Ero emozionatissima! La commissione era formata dai Professori: Maria Pia Baccari, Guido Mussini, Emanuele Odorisio, Laura Palazzani, Rocco Pezzimenti, Matteo Pizzigallo, Paola Spagnolo, Roberto Zannotti. Il Presidente era: il Magnifico Rettore Giuseppe Dalla Torre.

Io ero la quinta a dover discutere la tesi, e quando è arrivato il mio turno, dopo aver sentito pronunciare il mio nome dal Rettore, mi sono alzata e sono andata a sedermi al centro dell’aula davanti ai Professori.

La discussione è andata benissimo! Sia la Professoressa Baccari che il Rettore (mio correlatore) mi hanno fatto alcune domande, alle quali io ho risposto con tranquillità. Non nascondo che mi ha fatto molto piacere ricevere qualche domanda dal Presidente Dalla Torre (mio Professore di Diritto Canonico), perché questo ha mostrato il suo interesse nei confronti del mio lavoro: in particolare il Rettore si è soffermato sul rapporto tra pudor e caritas, sottolineando di essere rimasto colpito da questa parte della tesi.

A conclusione del mio lavoro, posso affermare di essere stata molto contenta di aver chiesto la tesi in Diritto romano.

Fare una tesi di laurea costituisce un’esperienza formativa importante nella carriera universitaria di uno studente, perché offre l’occasione per dedicarsi in maniera dettagliata ad uno specifico argomento, di sviluppare le proprie capacità di analisi dei vari problemi relativi al mondo giuridico e non. Si impara a dare un’organizzazione pratica alle proprie idee e quindi al proprio lavoro, utile per svolgere qualsiasi professione in un prossimo futuro.

La stesura della tesi non va vissuta come una costrizione, come un semplice adempimento burocratico, come uno strumento per “prendere” la laurea, perché altrimenti vano sarebbe il lavoro.

La tesi va fatta con interesse e lavorando in modo serio, «può essere vissuta come un gioco, come una scommessa, come una caccia al tesoro. C’è una soddisfazione sportiva nel dare la caccia ad un testo che non si trova, c’è una soddisfazione enigmatica nel trovare, dopo aver riflettuto molto, la soluzione di un problema che sembrava insolubile» (U. ECO, Come si fa una tesi di laurea. Le materie umanistiche, Milano 2008, pp. 246 e 247).

Fare la tesi non è stato sicuramente un lavoro semplice, ma sicuramente mi ha lasciato tantissimo dentro.

É incredibile quanto si possa nascondere dietro una semplice parola, “pudor”, della quale oggi non si comprende nemmeno più il significato.

Le fonti esaminate mi hanno permesso di capire la reale importanza rivestita, nell’antica Roma, dal pudor. Quest’ultimo doveva orientare sia l’uomo sia la donna in tutti i campi della vita sociale.

Preso in considerazioni dalle fonti giuridiche, sia a proposito dello ius publicum che dello ius privatum, troviamo il termine pudor sia nel Codex Theodosianus sia nel Corpus Iuris Civilis, in relazione ai più disparati argomenti.

Il pudor, definito come metus ignominiae (paura dell’ignominia), è un istituto collegato anche allo ius naturale (secondo la nota definizione di Ulpiano: «Ius naturale est, quod natura omnia animalia docuit»: D. 1,1,1,3), comune non solo agli uomini ma anche agli animali. Bisogna prendere le distanze da quanti ritengono che il pudor sia una caratteristica dell’uomo, che serve a distinguerlo dall’animale. Anche nella natura di quest’ultimo, infatti, è insito il pudor: basti pensare al comportamento di un animale quando sta male o quando sta per morire, lungi, infatti, dal dare spettacolo del suo dolore, questi si nasconde (riguardo il pudor degli animali vedi SENECA, Phaedra 913-914, dove il pudor viene attribuito anche agli animali feroci; a proposito del pudor degli elefanti vedi PLINIO, Naturalis Historia 8,12. Marziale attribuisce, invece, il pudor ad una cagnetta (MARZIALE, Epigrammator 1,109).

Ritengo interessante ricordare un passo molto bello di Paolo collocato nel libro XXIII del Digesto, sotto il titolo II rubricato De ritu nuptiarum: qui pudor e ius naturale vengono presi in considerazione relativamente agli impedimenti matrimoniali, i quali valgono anche nelle cognitiones servili. Come evidenzia Maria Pia Baccari, si tratta di «un riconoscimento giuridico, non solo ‘umano’», che Costantino dà alle unioni servili. (M.P. BACCARI, “Il conubium nella legislazione di Costantino”, in Poteri Religiosi e Istituzioni: il Culto di San Costantino Imperatore tra Oriente e Occidente, curr. Francesco Sini e Pietro Paolo Onida, Torino 2002, pp. 206).

Il pudor, così come tramandato dai boni mores, è strettamente collegato al decorum. Quest’ultimo, come sostiene Cicerone, emerge da tre cose: l’ordine (ordo), la bellezza (ornatus), e la disposizione conveniente in ogni azione (actio aptus): bisogna avere un comportamento decoroso in tutte le circostanze della vita, senza mai lasciarsi trasportare dalle passioni e dai vizi. [CICERONE, De Officiis 1,126, dove troviamo scritto: «Sed quoniam decorum illud in omnibus factis, dictis, in corporis denique motu et statu cernitur idque positum est in tribus rebus, formositate, ordine, ornatu ad actionem apt» («Questo decoro si vede in tutti i fatti e parole, e infine anche nelle movenze e negli atteggiamenti del corpo; e si manifesta in tre cose: nella bellezza, nell’ordine e nella disposizione conveniente ad ogni azione»: traduzione italiana curata da Anna Resta Barrile, edizione Rizzoli 2007, p. 191)].

Colui che ha pudor è colui che fugge dalla turpitudo.

Talvolta tale concetto viene accostato alla dignitas, a proposito alle cariche pubbliche.

Numerose, inoltre, sono le fonti nelle quali troviamo la parola pudor con riferimento alla donna. Le fonti esaminate sono testimonianza del grande rispetto nutrito dai Romani nei confronti delle donne. Il pudor di queste ultime aveva bisogno di tutela in tutti i campi del diritto.

Non va inoltre dimenticata la rilevanza rivestita dal pudor all’interno del matrimonio.

A distanza di qualche mese, mi capita spesso di dare una sbirciata al lavoro fatto, il grande volume che spicca nella “mia biblioteca”, e con esso rivivo i meravigliosi momenti vissuti ai ricevimenti della Professoressa Baccari, quando le bastava uno sguardo per sottolineare i miei errori e i punti della tesi da approfondire.

I suoi ricevimenti per gli studenti sono delle occasioni preziose durante le quali si impara moltissimo, non soltanto tutto ciò che concerne il Diritto Romano, ma soprattutto ad affrontare la Vita in generale.

Una delle caratteristiche della Professoressa è quella di far nascere la “curiosità” che ti porta a studiare ed approfondire sempre nuovi argomenti.

Non dimenticherò mai questo periodo e sicuramente gli insegnamenti della Professoressa Baccari mi accompagneranno per tutto il corso della mia vita.

Federica Fontana



1 Nella Prefazione all’Introduzione allo studio del diritto romano, Bologna 1987, (datata 12 marzo 1987) il Professor Riccardo Orestano ha un affettuoso pensiero per gli studenti e per i suoi allievi (tutti ‘collaboratori preziosi’) che lo hanno accompagnato negli anni. Poi specifica, in ordine di ‘anzianità accademica’ chi sono «coloro che mi sono stati vicini»: Franca De Marini Avonzo, Luigi Raggi, Angelo Ormanni, Giuliano Crifò, Massimo Brutti, Antonio Mantello, Maria Campolunghi, Antonella Di Mauro, Leo Peppe, Franco De Bernardinis, Pasquale Marottoli, Maria Pia Baccari, Carlo Lanza. Per la Prof. Baccari il Professore aggiunge anche delle righe molto commoventi che mostrano l’affetto del Maestro per l’allieva e dell’allieva per il Maestro. Spesso negli “Incontri” la Professoressa ci racconta della Scuola e ci parla degli insegnamenti ricevuti e delle ore trascorse con il Maestro e con la Sua famiglia. E anche la conoscenza (indiretta) dei Maestri e delle Scuole di diritto ci fa crescere e ci appassiona.

Nelle Università romane insegnano gli allievi: Massimo Brutti che ha ereditato la cattedra di Diritto romano (nel 1979, insieme con il Prof. Pierangelo Catalano), Giuliano Crifò e Antonio Mantello, nell’Università di Roma “La Sapienza”; Leo Peppe insegna Istituzioni di diritto romano nella Università degli Studi Roma Tre, Maria Pia Baccari insegna Istituzioni di diritto romano e Diritto romano nella Libera Università Maria SS. Assunta-LUMSA.



Franca De Marini Avonzo ha insegnato nell’Università di Genova; Maria Campolunghi insegna nell’Università degli Studi di Perugia; Antonella Di Mauro nell’Università degli Studi Magna Graecia di Catanzaro; Pasquale Marottoli insegna nell’Università degli Studi di Macerata (sulla cattedra che fu di Raggi) e Carlo Lanza alla SUN (Seconda Università degli Studi di Napoli- Santa Maria Capua Vetere). Gli amati allievi Raggi, Ormanni e De Bernardinis sono stati strappati alla vita troppo presto.



База данных защищена авторским правом ©shkola.of.by 2016
звярнуцца да адміністрацыі

    Галоўная старонка