Farfara tussilago farfara L




Дата канвертавання27.04.2016
Памер10.62 Kb.

FARFARA

FARFARA (Tussilago farfara L.)

Famiglia: Compositae

Droga: foglie e fiori

Costituenti principali:
mucillagini, polisaccaridi, tannini, composti triterpenici, minerali (zinco, ferro potassio) flavonoidi, carotenoidi

Attività principali:
espettorante, emolliente, demulcente, depurativa, sudorifera, lenitiva, antinfiammatoria, anticatarrale; blando diuretico; uso esterno: emolliente, decongestionante, antinfiammatorio

Impiego terapeutico:
affezioni respiratorie (flogosi acute, tosse e raucedine, asma, bronchite, laringite, faringite, pertosse, raffreddore), affezioni e flogosi del cavo orale (stomatite), sindrome influenzale; uso esterno: crosta lattea, pediluvi decongestionanti

Attività farmacologica:
La pianta della Farfara è probabilmente la pianta più popolare in Europa per tosse e problemi respiratori: il suo nome "Tussilago" richiama infatti molto chiaramente questa indicazione elettiva. Combina un effetto espettorante calmante con una azione antispasmodica e demulcente. In Cina, la Tussilago farfara viene infatti classificata come una pianta "calda" che risolve tosse e asma di origine "fredda". Nell´antichità era già raccomandata per le tossi secche, con congestione respiratoria. La fitoterapia classica indica che le foglie e i fiori preparati in decotto (addolcito con miele) sono ideali per tosse, bronchite, pleurite, catarro e asma e nelle flogosi delle prime vie inclusa laringe e faringe. La Tussilago è un rimedio specifico per il trattamento e la profilassi delle tossi spasmodiche e parossistiche, inclusa la pertosse, ed è un ottimo coadiuvante nei casi cronici di enfisema e bronchite. Si combina bene in sinergia con altri rimedi come liquirizia e timo. La sua azione non è limitata al livello polmonare e risulta anche efficace in altri distretti, nei casi di irritazione gastrica e di cistite, solitamente usata come diuretico demulcente in associazione. La Farfara ha un fitocomplesso molto ricco, contiene principalmente mucillagini (fino all´8%) e polisaccaridi (basati sul glucosio, galattosio, fruttosio, arabinosio e xilosio), inulina, flavonoidi (rutina, iperoside e isoquercetina), tannini (10%), triterpeni, vitamina C, minerali (zinco) e tracce di alcaloidi pirrolizidinici. Le foglie hanno un più basso contenuto in alcaloidi che i fiori e sono da preferire. E´ probabile che gli alcaloidi siano comunque degradati dal calore, p.e nei decotti. La mucina contenuta nella pianta ha un effetto sequestrante, antiirritante ed antiinfiammatorio e ricopre la mucosa con uno strato che protegge la gola dall´irritazione chimica e meccanica, riducendo quindi la tosse. Per il ricco contenuto in zinco delle foglie, la pianta ha una buona attività antinfiammatoria. Recenti ricerche scientifiche hanno confermato che gli estratti di questa pianta hanno proprietà immunostimolanti. I polisaccaridi contenuti sono antinfiammatori ed immunostimolanti e i flavonoidi antinfiammatori ed antispasmodici. In uno studio clinico in pazienti asmatici, il 75% di essi ha mostrato dei miglioramenti per uso di un preparato della pianta, anche se l´effetto antiasmatico è stato di breve durata. Analogamente la Farfara è decongestionante per uso esterno: si riporta che l´impacco di fiori applicato sul viso è un´ottima maschera antirughe, mentre quello fatto con le foglie fresche sminuzzate è efficace per pelli infiammate e acneiche. Foglie e fiori pestati freschi danno un succo curativo che, diluito con olio di mandorle e applicato sul cuoio capelluto dei bambini piccoli, può giovare in caso di crosta lattea. Unica raccomandazione, non utilizzare sulla pelle ferita o abrasa. Le foglie fresche e contuse possono essere applicate a foruncoli e ascessi. La lunga tradizione d´uso e gli studi disponibili indicano la Farfara una pianta sicura e ben tollerata. Alle consuete dosi d´uso non si riportano tossicità ed effetti collaterali significativi, fatta eccezione per l´ipersensibilità individuale e disturbi epatici (insufficienza epatica, epatiti). Gli alcaloidi pirrolizidinici anche se presenti in traccia hanno dimostrato epatotossicità: tuttavia non esistono studi conclusivi che ne neghino l´uso. Si raccomanda però di non utilizzare preparati dai fiori per periodi prolungati, non eccedere le 4-6 settimane in un anno. Il contenuto in alcaloidi è comunque più rilevante e pericoloso nelle specie di ordine asiatica rispetto alle Europee, che rimangono di più tranquillo uso. Non usare in gravidanza ed allattamento.

Aspetti botanici:
La Farfara è una pianta erbacea annuale rizomatosa, originaria dell´Europa e dell´Asia settentrionale, poi naturalizzata in Nord-America. E´ una pianta comune nei terreni incolti ed abbandonati e nei lati stradali. Preferisce terreni argillosi o calcarei, umidi, e cresce anche in luoghi montani, fino a 2400-2600 m di altitudine. Ha un fusto fiorifero, eretto, cotonoso, alto da 10 a 25-30 cm, di colore rosso; le foglie sono verdi sopra e ricoperte da lunghi peli bianchi nella superficie inferiore, e con una caratteristica forma che ricorda la zampa di un´ anatra. I fiori sono giallo brillante e sono i primi in assoluto a comparire dopo la lunga stagione invernale, e precedono addirittura la formazione delle foglie. La droga è costituita sia dai fiori che dalle foglie, da cui si ottengono rispettivamente le polveri, gli estratti utilizzati a scopo fitoterapico. I fiori si raccolgono ancora in bocciolo da febbraio ad aprile e le foglie a inizio estate. Sono solitamente usati dopo essiccazione e filtrando i preparati per eliminare la peluria; l´infuso è di sapore amaro, ma può essere facilmente dolcificato con miele, che tra l´altro ne potenzia l´azione emolliente, risultando utile anche negli abbassamenti di voce.

Forme farmaceutiche e posologia:
Infuso: 1,5 - 6 grammi di foglia secca per 10´/2-3 tazze al giorno
Polvere: 4,5 - 6 g / 2-3 volte al giorno
E.s.: 300-400 mg/2-3 volte al giorno
Pediluvio (uso esterno): 200 g di foglie secche in 2 litri di acqua fredda, a bollire per 10´ e a riposo per 5´


База данных защищена авторским правом ©shkola.of.by 2016
звярнуцца да адміністрацыі

    Галоўная старонка