Donna-angelo e dell’identità amore-cuore gentile




Дата канвертавання19.04.2016
Памер5.3 Kb.
Dolce Stilnovo

La definizione di “dolce stil novo” risale a Dante e si desume dal Canto XXIV del Purgatorio (vv. 40-62), in particolare dai versi”Ofrate, issa vegg’io-diss’elli-il nodo/ che ‘l Notaro e Guittone e me ritenne/ di qua dal dolce stil novo ch’i’ odo!”. La frase viene pronunciata dal poeta Bonagiunta Orbicciani e contiene il riconoscimento della novità teorica della nuova poesia , il dolce stil novo, rispetto a quelle che l’avevano preceduta. La formula dolce stil novo è riferita ad una fase della produzione lirica di Dante; tuttavia a partire dall’Ottocento la critica letteraria ha esteso questa definizione ad un gruppo di autori attivi nell’ultimo trentennio del Duecento, accomunati da esigenze e ideali politici affini. Rientrano in questo numero il bolognese Guido Guinizzelli, i fiorentini Guido Cavalcanti e Dante Alighieri, Cino da Pistoia e i “minori” Lapo Gianni, Gianni Alfani e Guido Frescobaldi.



A differenza dei siculo-toscani, gli stilnovisti bandiscono dalla loro poesia ogni riferimento all’attualità e ogni argomento estraneo alla tematica amorosa. Ribadiscono la centralità dell’esperienza amorosa, la quale viene sentita come intensa forza spirituale e indagata mediante un’approfondita analisi psicologica. L’amore non è sentito esclusivamente come fatto puramente personale: l’analisi si estende al principio assoluto e mira a studiare l’essenza, la genesi e la fenomenologia del sentimento. Si fa strada una compiuta teoria dell’amore che implica una reinterpretazione dei fondamenti cortesi alla luce del pensiero filosofico contemporaneo: in fin amor evolve in amore-virtù, in quanto l’amore da processo di nobilitazione sociale diviene mezzo di riscatto morale. I concetti cardini di questo nuovo sistema sono quelli della donna-angelo e dell’identità amore-cuore gentile. La donna è al pari degli angeli intermediaria tra Dio e l’uomo poiché per mezzo dell’amore avvia il desiderio maschile alla sublimazione conciliandolo con la legge morale. Ciò tuttavia si può verificare solo se nell’uomo esiste un potenziale di gentilezza, ossia di nobiltà d’animo che possa essere attivato. Da qui deriva la reinterpretazione di un tema convenzionale: la distinzione tra nobiltà di nascita e nobiltà di costumi si risolve come propensione naturale al bene. La donna, idealizzata e raffigurata in termini di figura eterea emanante luce e splendore è protagonista di una visione estatica e turba l’equilibrio di chi la contempla. L’influsso salvifico della donna proviene dallo sguardo e soprattutto del saluto che rivolge agli astanti. Nella descrizione dell’innamoramento vengono utilizzate numerose metafore e immagini convenzionali: il dio dell’amore sotto le sembianze d’arcere, il dardo d’amore che penetra attraverso gli occhi, l’amore come fuoco, la servitù d’amore.

La poesia stilnovistica è elevata e aristocratica tanto nei contenuti quanto nella forma. Dal punto di vista linguistico si persegue un ideale di volgare illustre, ottenuto tramite la depurazione del dialetto fiorentino da elementi municipali. Nello stile si ricerca la “dolcezza”, il lessico diventa più limpido , i termini vengono scelti sia per la loro carica semantica sia per il loro valore fonico. Si prediligono le forme metriche della canzone, sonetto e ballata.


База данных защищена авторским правом ©shkola.of.by 2016
звярнуцца да адміністрацыі

    Галоўная старонка