Comune di arezzo avviso pubblico affidamento in gestione




Дата канвертавання15.04.2016
Памер27.2 Kb.
COMUNE DI AREZZO

AVVISO PUBBLICO

AFFIDAMENTO IN GESTIONE

PALESTRA SCOLASTICA CESALPINO
IL DIRETTORE DELL’UFFICIO SPORT

Visto il “Regolamento per la gestione e l’uso degli impianti sportivi” approvato con deliberazione di C.C. n. 150 del 15/12/2006;

In conformità a quanto previsto dall’art. 12 della Legge 4 agosto 1977 e s.m.i. e dall’art.90, c.26 della Legge 289/2002;

Visto il proprio provvedimento n. 2289 del 29/05/2007


RENDE NOTO
che per il periodo 01/07/2006-30/06/2010 intende affidare la gestione della palestra scolastica Cesalpino, in via preferenziale, a società e associazioni sportive dilettantistiche, enti di promozione sportiva, discipline sportive associate, federazioni sportive nazionali.

Qualora la procedura di selezione per l’affidamento in gestione ai soggetti in precedenza indicati abbia dato esito infruttuoso, il Comune può valutare di affidare la gestione anche a soggetti diversi da quelli indicati.


PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

I soggetti interessati devono inoltrare all’ Ufficio Protocollo del Comune di Arezzo, P.zza della Libertà n1, - entro ed non oltre le ore13,00 del giorno 20 giugno 2007 apposita domanda in busta chiusa riportante all’esterno la dicitura “Contiene richiesta e documentazione per l’affidamento in gestione della palestra Cesalpino”. Il recapito tempestivo delle domande rimane ad esclusivo rischio del mittente ove, per qualsiasi ragione, non giungano a destinazione in tempo utile.

In tale busta deve essere inserita le seguente documentazione:


  • Richiesta per l’affidamento in gestione comprensiva delle seguenti garanzie e informazioni:

- apertura dell’impianto a tutti i cittadini a prescindere dall’appartenenza a Società Sportive;

- imparzialità nel permetterne l’utilizzo ai soggetti che ne facciano richiesta all’affidatario;

- compatibilità delle eventuali attività ricreative e sociali di interesse pubblico, praticabili straordinariamente negli impianti, con il normale uso degli impianti sportivi;


  • Statuto, componenti organi societari e qualificazione professionale degli istruttori;

  • Curriculum dell'attività, con indicazione dell’esperienza di gestione;

  • Progetti che consentano la valutazione dei profili economici e tecnici della gestione;

  • Programma di massima dell'attività prevista;

  • Dichiarazione della eventuale collaborazione prestata per la realizzazione dell'impianto e/o di eventuali investimenti futuri nell’ampliamento e/o miglioramento;

  • Relazione delle attività programmate nel settore della promozione sportiva con particolare riguardo a quelle in favore dei giovani, dei diversamente abili e degli anziani;

  • Disponibilità, quantificata in monte ore, all’apertura dell’impianto a utenti non tesserati;

  • Indicazione del numero dei corsi gratuiti o a condizioni particolarmente vantaggiose per l’utenza cittadina a basso reddito che il soggetto affidatario intende promuovere;

Le domande di partecipazione verranno aperte in seduta pubblica il giorno 21 giugno 2007 alle ore 8.30 presso l’Ufficio Sport, Via Porta Buia, Ex Caserma Cadorna;


PARAMETRI DI VALUTAZIONE

Per l'esame delle domande è nominata una apposita Commissione, come previsto dall’art.7 del “Regolamento per la gestione e l’uso degli impianti sportivi”.

In caso di più richieste la Commissione attribuisce il punteggio e provvede a stilare una graduatoria sulla base dei seguenti parametri di valutazione:


    • esperienza di gestione di impianti destinati alla attività sportiva specifica dell’impianto: fino a punti 3;

    • radicamento sul territorio nel bacino di utenza dell’impianto: fino a punti 5;

    • affidabilità economica: fino a punti 3;

    • investimenti realizzati nell’impianto: fino a punti 5;

    • titolo sportivo: fino a punti 5;

    • qualificazione professionale degli istruttori e allenatori utilizzati: fino a punti 3;

    • compatibilità dell’attività sportiva esercitata con quella praticabile nell’impianto: fino a punti 2;

    • consistenza dell’impegno nel settore della promozione sportiva e in particolare di attività a favore dei giovani, dei diversamente abili e degli anziani: fino a punti 4;

    • investimenti futuri nell’ampliamento e/o miglioramento dell’impianto: fino a punti 3;

    • maggiore disponibilità in termini di monte ore dell’apertura dell’impianto a utenti non tesserati: fino a punti 4;

    • maggior numero di corsi gratuiti o a condizioni particolarmente vantaggiose per l’utenza cittadina a basso reddito: fino a punti 5;

A parità di punteggio viene data precedenza ai soggetti partecipanti a Campionati Ufficiali delle varie Federazioni e Enti di Promozione Sportiva
CRITERI PER LA GESTIONE

L’Ufficio Sport, individuato il soggetto affidatario, stipula la convenzione per l’affidamento in gestione dell’impianto uniformandosi ai seguenti criteri di carattere generale:

- Trattandosi di palestra scolastica, non è previsto l’utilizzo della struttura nelle giornate di sabato, domenica e nei giorni festivi, se non in casi eccezionali, previa autorizzazione dell’istituto scolastico e dell’Ufficio Sport.

- L’impianto che specificatamente viene utilizzato dal soggetto affidatario per i propri allenamenti deve essere garantito in uso a tutti i cittadini anche non tesserati. L’affidatario espone la cartellonistica recante i giorni, gli orari settimanali in cui tale impianto è a disposizione per i cittadini non tesserati, nonché le tariffe deliberate dal competente organo comunale e la disciplina o le discipline praticabili nell’impianto. La prenotazione deve essere effettuata presso la competente Circoscrizione Comunale. La Circoscrizione sarà dotata di idonea strumentazione al fine di dare una adeguata risposta ai cittadini riguardo agli impianti, ai giorni e agli orari a disposizione;

-I corrispettivi dei proventi derivanti dalle tariffe per l’uso dell’impianto da parte di cittadini e di soggetti diversi dall’affidatario, autorizzati dall’Amm.ne Com.le, devono essere versati al soggetto che gestisce l’impianto. Quest’ultimo a fine anno deve presentare all’Ufficio Sport il rendiconto economico dell’attività;

- La manutenzione ordinaria per quanto concerne mano d'opera, custodia, sorveglianza e pulizia dell'impianto e spese relative al consumo di energia elettrica e riscaldamento sono a carico dell’affidatario. A far data dall’applicazione della fatturazione diretta e dopo verifica della congruità della tariffa sarà facoltà dell’Amministrazione di valutare la competenza dell’onere relativo al consumo di acqua.

- L’affidatario deve nominare il responsabile tecnico addetto alla sicurezza e gestire le strutture e gli impianti con personale qualificato in osservanza, in particolare, per gli impianti elettrici e d’illuminazione, delle norme CEI 64 8/7/52, della L.46/90 art.10 e di predisporre il piano di sicurezza e nominare il responsabile della sicurezza ai sensi del D.M. 18/04/1996. Si assume inoltre l’onere di garantire l’applicazione del D.L. 19/09/94 n.626 e s.m. e i.;

- Il Comune provvede a sue spese alle opere di manutenzione straordinaria. L’affidatario ha l’obbligo di richiedere gli interventi di manutenzione straordinaria alla Circoscrizione Comunale di competenza.

- Le spese di stipula della convenzione e sue consequenziali sono a carico del soggetto affidatario.
OBBLIGHI DEL SOGGETTO AFFIDATARIO

Lo schema di convenzione per la disciplina dei rapporti fra le parti prevede i seguenti obblighi a carico del soggetto affidatario:



  • Per le attività motorio-ricreative e di muscolazione, indipendentemente dall'assolvimento delle formalità indicate nei precedenti articoli, il soggetto affidatario che riceve gli impianti in gestione, deve possedere i seguenti requisiti oltre quelli richiesti dalla normativa vigente:

a) Polizza assicurativa a favore degli utenti dell'impianto per gli eventi dannosi connessi con lo svolgimento delle attività all'interno dell'impianto sportivo in uso o in gestione;

b) Presenza di un responsabile accompagnatore (dirigente o allenatore). Il nome della persona incaricata deve essere indicato nella richiesta scheda organizzativa.

c) Rilascio ai propri soci, atleti, ecc., di un'apposita tessera di riconoscimento da esibire su richiesta del personale comunale addetto. Tutti gli utenti che hanno sottoscritto la richiesta di concessione a titolo personale sono tenuti ad esibire il titolo di concessione.


  • Il soggetto affidatario si assume ogni responsabilità per danni propri o a terzi durante lo svolgimento delle attività all'interno dell'impianto sportivo in gestione.

  • Il soggetto affidatario si assume inoltre, in via diretta ed esclusiva, ogni responsabilità civile e penale derivante dall'operato, anche omissivo, delle persone da loro designate per la vigilanza e per qualsiasi azione o intervento effettuato da personale non autorizzato dal Comune, che sia causa di danno alla funzionalità degli impianti o alle attrezzature.

  • Il soggetto affidatario si intende obbligato ad osservare e a fare osservare la maggiore diligenza nella utilizzazione dei locali, degli spazi sportivi, degli attrezzi, degli spogliatoi, dei servizi ecc., in modo da evitare qualsiasi danno all'impianto, alle attrezzature e a terzi.

  • E’ fatto obbligo segnalare, senza indugio, ogni danno alle strutture ed agli attrezzi loro assegnati, al fine di determinare eventuali responsabilità, nonché qualsiasi situazione, impedimento o inconveniente, che possa essere ravvisato come fonte di possibile rischio, sia per le cose che per le persone. In caso di mancata segnalazione sarà ritenuto responsabile, in via esclusiva, l'ultimo affidatario che ha utilizzato la struttura.

  • Il soggetto affidatario deve rifondere al Comune tutti i danni provocati all'impianto e alle attrezzature, nella misura che sarà stabilita dall'Ufficio Sport, in dipendenza dall'uso dell'impianto durante l’affidamento in gestione. A tale scopo, alla stipula della convenzione, deve essere sottoscritta dal legale rappresentante una dichiarazione di responsabilità, con l'impegno di rifondere gli eventuali danni provocati dal non corretto uso dell'impianto.

  • Il soggetto affidatario si impegna ad utilizzare gli impianti in modo diretto ed esclusivamente per le finalità per le quali è stato accordato l’affidamento. Pertanto, per nessun motivo e in nessuna forma è consentito l'uso, anche parziale e/o gratuito, degli impianti a terzi, senza previo accordo con l'Ufficio Sport, pena l'immediata decadenza dell’affidamento.

  • In caso di manifestazioni pubbliche il soggetto affidatario deve provvedere a propria cura e spese a:

1)compiere quanto prescritto dalle autorità di P.S. ed eventualmente da altre autorità competenti, per il regolare svolgimento delle manifestazioni e a predisporre i servizi necessari previsti dalla legge. Questi servizi dovranno essere assicurati per tutto il periodo della manifestazione e fino a quando l'impianto non sarà chiuso.

2)assicurare i servizi di vendita dei biglietti e di controllo degli ingressi in caso di manifestazioni a pagamento;



3)provvedere al servizio sanitario.

  • Il soggetto affidatario si assume ogni responsabilità, esonerando il Comune, per qualsiasi fatto avvenuto nell'impianto sportivo, prima, durante e dopo la manifestazione e per danni a persone o cose, in dipendenza dell'uso dell'impianto nel periodo sopra specificato anche da parte del pubblico.

  • Il Comune si riserva la più ampia facoltà di revocare l’affidamento, in tutto o in parte, per motivi di pubblico interesse, senza che il soggetto affidatario possa eccepire o pretendere qualcosa a qualsiasi titolo.

  • Il Comune ha ampia facoltà di provvedere, nel modo che ritiene più adeguato, alla vigilanza sull'uso dell'impianto sportivo e delle attrezzature da parte del soggetto affidatario. Il soggetto affidatario fornisce agli incaricati comunali alla vigilanza e al controllo la maggiore collaborazione, fornendo tutti i chiarimenti necessari ed esibendo la documentazione richiesta. In caso di accertate irregolarità, senza pregiudizio di ulteriori provvedimenti e di diritti che possano competere al Comune, il soggetto affidatario deve immediatamente uniformarsi alle decisioni dell'incaricato comunale alla vigilanza e al controllo.

  • Per le manifestazioni, sia di carattere sportivo che extrasportivo, che prevedono l'installazione di particolari attrezzature assenti nell'impianto, il soggetto affidatario deve presentare al Comune apposita richiesta di autorizzazione e in caso di accoglimento, deve provvedere alla fornitura, montaggio e smontaggio a propria cura e spese. Tutto questo deve essere effettuato nel più breve tempo possibile, immediatamente prima e dopo lo svolgimento della manifestazione, al fine di non pregiudicare la disponibilità dell'impianto per le altre attività. Le operazioni di montaggio e smontaggio delle attrezzature devono svolgersi sotto il controllo del personale del Comune, per valutare eventuali danni arrecati a persone o cose durante queste operazioni, di cui l’affidatario è tenuto a rispondere.

  • Il Comune si riserva di emettere delle tessere di servizio per il libero accesso a tutti gli impianti sportivi comunali, in favore del personale addetto agli impianti, con compiti di controllo e di sorveglianza. Il soggetto affidatario concede libero accesso agli impianti al personale munito di tessera di riconoscimento.

  • Il soggetto affidatario si impegna a versare in favore del Comune di Arezzo un canone minimo pari ad €. 50,00 annui. Una Commissione determina i parametri per la concessione dell’eventuale massimo contributo economico fino al 100% della copertura delle spese relative alle utenze e comunque per un importo complessivo non superiore a 3.000,00, che si intende concedere al soggetto affidatario a sostegno della gestione, secondo i seguenti criteri di priorità:

- organizzazione di corsi gratuiti o tariffa ridotta rivolti a particolari fasce di popolazione, quali bambini, anziani, disabili;

- partecipazione degli istruttori e allenatori oltre che dei componenti degli organi societari, a corsi, seminari, stage di formazione e aggiornamento al fine di favorire i processi di crescita e sviluppo dell’infanzia nonché la prevenzione di forme disagio e devianza del mondo giovanile;

- rendicontata economia delle spese di gestione, con particolare riferimento alle spese di riscaldamento e energia elettrica, nell’ottica di un risparmio energetico a vantaggio di tutta la comunità;

- società che promuovono l’integrazione e la lotta alla discriminazione.


Per eventuali informazioni rivolgersi dalle ore 8.30 alle ore 13.30 e nei giorni di martedì e giovedì anche dalle ore 15.00 alle ore 17.30 presso l’Ufficio Sport, Via Porta Buia, Ex Caserma Cadorna – Arezzo - telefono 0575/377465-377455.

Il Direttore dell’Ufficio

(Dott. Vittorio Beoni)


База данных защищена авторским правом ©shkola.of.by 2016
звярнуцца да адміністрацыі

    Галоўная старонка